Abruzzo: in aumento i lavoratori immigrati. Nel 2012 salgono di 380 unità

San Benedetto Del Tronto - La crisi che colpisce il sistema produttivo italiano riduce le opportunità di occupazione per...

La crisi che colpisce il sistema produttivo italiano riduce le opportunità di occupazione per i lavoratori immigrati, cosa che non avviene nella Regione Abruzzo. Quest'anno c'è stato un aumento delle assunzioni di 380 unità. La provincia di Teramo ha incrementato i suoi lavoratori di 90 unità: da 340 assunzioni non stagionali nel 2011 si è passato a 430 unità nel 2012. Anche Chieti segna un +90 nuovi lavoratori: da 780 unità a 870. L'Aquila incrementa la sua forza lavoro di 100 unità: da 650 lavoratori immigrati non stagionali nel 2011 a 750 nel 2012.
Pescara che guadagna ben 110 lavoratori immigrati non stagionali: da 310 del 2011 a 420 del 2012.

Questi sono i dati forniti da Unioncamere e rielaborati per la Regione Abruzzo dall'agenzia Avnotizie.


LA SITUAZIONE IN ITALIA
Quest’anno, secondo le imprese, potranno essere 22.420 in meno le assunzioni di manodopera non stagionale di origine straniera nell’industria e nei servizi: è questo, infatti, il saldo tra i 60.570 posti di lavoro messi a disposizione di personale immigrato quest’anno contro gli 82.990 dell’anno scorso (-27%). Il calo delle entrate si concentra soprattutto tra le imprese con meno di 50 dipendenti che contano di assumere solo 30.190 immigrati, 19.840 in meno rispetto al 2011 (l’88,5% di tutto il calo previsto quest’anno) e nelle regioni del Nord-Italia, dove le entrate saranno appena 36.060 contro le 51.550 dello scorso anno (15.490 assunzioni previste in meno, il 69% di tutta la riduzione attesa).


In termini assoluti - sommando le assunzioni a carattere non-stagionale con quelle stagionali - le entrate di nuovi occupati di nazionalità straniera quest’anno potranno arrivare (nell’ipotesi massima) a circa 113mila unità, di cui 60.570 a carattere non stagionale e 52.160 a carattere stagionale, a fronte dei 138.200 che le imprese prevedevano di assumere lo scorso anno.

Il perdurare della crisi occupazionale e la progressiva ‘etnicizzazione’ di alcune figure professionali – sempre meno diffuse tra i candidati italiani in cerca di un lavoro - farà tuttavia aumentare, nel 2012, la quota di lavoratori immigrati sul totale delle assunzioni, spostandola dal 16,3% dello scorso anno al 17,9% di quest’anno. Se, infatti, la domanda di lavoro immigrato diminuirà quest’anno del 27% rispetto al 2011, quella rivolta a personale italiano scenderà addirittura del 31,6% (pari ad una contrazione di 188.340 unità), aumentando così l’incidenza relativa delle assunzioni di immigrati su quelle totali.

di Vittorio Bellagamba

28/08/2012

Progetto di agricoltura sociale a Rocca Montevarmine

Cia Agricoltori provinciale: «Il progetto dell'agricoltura sociale di Rocca Montevarmine con il passare del tempo sembra sempre più un sogno che una realtà»

Leggi l'articolo »

Radio Azzurra, ospite Luigi Contisciani presidente Bim Tronto

Appuntamento su Radio Azzurra questa sera alle 21.05 con replica domani alle 9.45

Leggi l'articolo »

Parco alimentare, in vetrina le eccellenze dei prodotti agroalimentari

Il progetto, targato Confagricoltura di Ascoli e Fermo è volto a promuovere le aziende del territorio

Leggi l'articolo »

Gelate, perso l'80% delle colture frutticole

Cia Agricoltori provinciale: «Ingenti danni lungo le colline della Valdaso»

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

Aldo Mattioli si è dimesso, al suo posto Claudio Censori

Acquaviva Picena - Il Consiglio di Amministrazione della Società ha nominato nuovo Presidente, pro tempore, Dr. Claudio Censori, già consigliere della Banca del Piceno. Il CdA, di conseguenza, ha nominato Vice Presidente Franco Massi.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android