Indagine Marche: le rimesse dei lavoratori stranieri

San Benedetto Del Tronto - Gli stranieri che vivono in Italia hanno fatto defluire nel 2011 7,4 miliardi di...


Gli stranieri che vivono in Italia hanno fatto defluire nel 2011 7,4 miliardi di euro di rimesse, registrando un aumento del 12,5% rispetto all’anno precedente. Mediamente ogni straniero in Italia invia nel proprio paese 1.618 euro all’anno, destinati per lo più in Asia e in Cina per la precisione. Si stima che i cinesi che risiedono in Italia riescono a mantenere 800mila connazionali in Patria. Roma, Milano, Napoli e Prato sono le province da cui defluisce il maggior importo di rimesse verso l’estero.

 Per quanto riguarda le Marche, la provincia con maggiore incidenza, sul totale delle rimesse in Italia, è Ancona: circa 44 milioni di euro dei lavoratori stranieri in provincia finiscono in Romania, Bangladesh e Cina. A seguire la provincia di Macerata con circa 29 milioni di euro che vanno in Romania, Pakistan e Senegal. I quasi 18 milioni di euro dei lavoratori stranieri della provincia di Ascoli Piceno vengono inviati per la maggior parte in Romania, Cina e Marocco, mentre i 18 milioni e 266 mila euro della provincia di Pesaro e Urbino vengono ripartiti tra Romania, Moldavia e Marocco. Nella provincia di Fermo invece, i 2 milioni e 639 mila euro riguardanti le rimesse degli stranieri vengono inviate in Cina, poi in Romania e Marocco.


Questi i risultati principali di uno studio della Fondazione Leone Moressa
dati rielaborati dall'agenzia di comunicazione Dalla A alla V.

Il volume delle rimesse. Nel 2011 il flusso monetario in uscita dall’Italia è stato pari a 7,4 miliardi di euro, in aumento rispetto all’anno precedente del 12,5%. In aumento anche il valore delle rimesse calcolate a livello procapite: mediamente ciascuno straniero invia nel proprio Paese di origine poco più di 1.600 euro annui, in aumento rispetto ai 1.552 euro registrati nel 2010. Per riuscire a quantificare il volume delle rimesse basti pensare che l’ammontare complessivo del denaro in uscita dall’Italia equivale allo 0,47% del Pil nazionale: anche in questo caso tale incidenza è aumentata rispetto allo 0,42% rilevato l’anno precedente.
Destinazione delle rimesse. L’Asia è il continente maggiormente beneficiario delle rimesse che escono dall’Italia. Infatti con quasi 4 miliardi di euro, la macroarea asiatica concentra il 52% di tutti i flussi monetari; della rimanente parte, il 24,4% rimane all’interno dei confini europei, il 12,1% prende la via americana e l’11,5% quella africana. Rispetto al 2010 quasi tutte le destinazioni hanno subito un aumento in termini di rimesse inviate: il continente asiatico ha ricevuto dagli stranieri in Italia il 23,4% in più di denaro, le Americhe il 5,2% in più, l’Africa il 3,1% e il continente europeo l’1,6%.
Tra tutti i Paesi, la Cina è quello a cui viene inviato il maggior volume di rimesse con 2,5 miliardi di euro, seguito da Romania (894 milioni di euro), Filippine (601 milioni di euro) e Marocco (299 milioni di euro). Le principali nazioni di destinazione mostrano un aumento nell’ultimo anno, ad eccezione delle Filippine che mostrano un -19,1%. Per la Cina la variazione si attesta addirittura al +39,7%, per la Romania si tratta del +3% e per il Marocco il +5,8%. In quanto a rimesse procapite, ciascun cinese residente in Italia invia in Patria poco più di 12mila euro a testa, valore più elevato tra tutte le nazionalità. Questo significa che ogni cinese in Italia “mantiene” 3,9 cinesi in Patria e che a livello complessivo si tratta di oltre 800 mila di cinesi. Con 4.484 euro di rimesse procapite i filippini sostengono una comunità in patria di 394 mila concittadini, i bengalesi di 629 mila soggetti, i senegalesi di 348 mila persone.

di Vittorio Bellagamba

06/06/2012

Al Cineteatro San Filippo Neri lo spettacolo di teatro-danza: “RACCONTO – Cadi nella fantasia”

Grottammare - Spettacolo diretto e coreografato da Federico Ruiz con l'assistenza di Ilaria Battaglioni.

Leggi l'articolo »

"La Cultural intelligence nel calcio",il primo libro dell'ex rossoblu De Feis presenta

San Benedetto Del Tronto - La presentazione del libro ci sarà martedì 29 gennaio alle ore 18, nella sala stampa dello stadio Riviera delle Palme

Leggi l'articolo »

Paolo Cevoli "Flesdens", in scena venerdì 25 gennaio al Teatro Tiberini di San Lorenzo in Campo

San Lorenzo in Campo - Breve storia del cinema dai cavernicoli a fast&furious

Leggi l'articolo »

Al Pergolesi di Jesi va in scena "Enrico IV"

Jesi - "Enrico IV" di Luigi Pirandello, produzione Marche Teatro, adattamento e regia di Carlo Cecchi.

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

Val Vibrata College, tutti in classe.

Corropoli - Operativa, dal 9 gennaio, la nuova sede provvisoria di Ripoli.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android