Centri Commerciali, un accanimento ingiustificato

Ascoli Piceno - FG Gallerie Commerciali S.p.A sostiene la posizione del Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali.

FG Gallerie Commerciali S.p.A è in accordo con quanto sottolineato dal Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali (CNCC) il quale ha evidenziato, con una nota, che gli affollamenti rilevati nel fine settimana per lo shopping dimostrano l’inadeguatezza delle misure del Governo.

“Il sentimento di delusione ed amarezza con cui abbiamo stigmatizzato l’atteggiamento del Governo nei confronti dei centri commerciali – ricorda Laura Gabrielli vicepresidente del Gruppo Gabrielli e amministratore delegato di FG Gallerie Commerciali S.p.A– è ancora più forte, dopo aver visto le immagini piene di gente nelle vie dello shopping delle grandi città e nelle grandi strutture di vendita al di fuori di parchi e centri commerciali . Per avere flussi ordinati e controllati di persone sarebbe stato molto più appropriata la scelta di lasciare aperte tutte le strutture commerciali esistenti, favorendo una maggiore distribuzione e diminuendo la probabilità degli affollamenti nei fine settimana del periodo natalizio”.

Il CNCC ha ribadito che “le attuali misure del Governo, che prevedono la chiusura dei negozi di beni non essenziali all’interno dei centri commerciali nei giorni festivi e pre- festivi sono inadeguate e potenzialmente dannose sotto il profilo sanitario, in quanto favoriscono assembramenti nei centri città e sui mezzi pubblici avendo ridotto la scelta commerciale. La limitata apertura dei centri commerciali contribuisce, infatti, agli assembramenti nelle cosiddette “vie dello shopping”, dove al contrario i negozi e i grandi magazzini sono aperti tutti i giorni, pur non potendo garantire lo stesso livello di controllo che solo strutture altamente organizzate possono assicurare”.

“Torniamo a ricordare che dicembre è fondamentale per tutte le attività del commercio , comprese quelle all'interno dei centri e parchi commerciali; gli ultimi provvedimenti stanno creando danni irreparabili sotto il profilo economico ed occupazionale. Da parte nostra – prosegue Laura Gabrielli – abbiamo sin da marzo adeguato i sistemi di sicurezza alla normativa sanitaria vigente: siamo in grado di sapere quante persone sono presenti nei nostri centri commerciali e possiamo garantire che il numero sia sempre compatibile con il distanziamento minimo previsto; ogni negozio della galleria ha provveduto ad organizzarsi al proprio interno dotandosi dei presidi sanitari necessari per garantire la sicurezza dei propri collaboratori e della clientela
L’accanimento nei confronti del mondo dei centri commerciali appare quindi ingiustificato anche perché non sono noti casi di contagi avvenuti al loro interno. I centri commerciali, infatti, hanno attivato misure di sicurezza stringenti e spesso più rigorose rispetto al dettato normativo. Ancor più inspiegabile è la decisione di far chiudere i parchi commerciali trattandosi di una pluralità di esercizi indipendenti l’uno dall’altro con in comune soltanto l’area dei parcheggi”.

FG Gallerie Commerciali S.p.A, dunque, si associa all’appello del CNCC che chiede al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, “l’immediata revisione di quanto previsto dall’ultimo Dpcm in merito agli orari di apertura delle attività commerciali e all’apertura dei centri commerciali nei giorni festivi e pre-festivi”.
 

di Roberto Valeri

14/12/2020

Progetto di agricoltura sociale a Rocca Montevarmine

Cia Agricoltori provinciale: «Il progetto dell'agricoltura sociale di Rocca Montevarmine con il passare del tempo sembra sempre più un sogno che una realtà»

Leggi l'articolo »

Radio Azzurra, ospite Luigi Contisciani presidente Bim Tronto

Appuntamento su Radio Azzurra questa sera alle 21.05 con replica domani alle 9.45

Leggi l'articolo »

Parco alimentare, in vetrina le eccellenze dei prodotti agroalimentari

Il progetto, targato Confagricoltura di Ascoli e Fermo è volto a promuovere le aziende del territorio

Leggi l'articolo »

Gelate, perso l'80% delle colture frutticole

Cia Agricoltori provinciale: «Ingenti danni lungo le colline della Valdaso»

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

Aldo Mattioli si è dimesso, al suo posto Claudio Censori

Acquaviva Picena - Il Consiglio di Amministrazione della Società ha nominato nuovo Presidente, pro tempore, Dr. Claudio Censori, già consigliere della Banca del Piceno. Il CdA, di conseguenza, ha nominato Vice Presidente Franco Massi.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android