L’agenda fiscale va rivista quanto prima

Roma - Il Presidente dell’A.N.CO.T, Celestino Bottoni:”chiediamo una razionalizzazione dell’agenda da maggio, questo collo di bottiglia crea problemi a contribuenti e professionisti”.

Il numero di scadenze fiscali che, fino alla fine di luglio, terrà impegnati i consulenti tributari ed in generale tutti i professionisti del settore torna a far parlare della necessità delle proroghe. Il carico fiscale, per quantità di adempimenti e ammontare delle somme è spropositato rispetto all’obiettivo di far ripartire le partite IVA, i liberi professionisti e le aziende, soprattutto di dimensioni medie e piccole dimensioni, che non hanno potuto operare durante il lockdown.

“Due mesi fa – ricorda il Presidente A.N.CO.T Celestino Bottoni – segnalammo la necessità di una razionalizzazione dell’agenda fiscale ed una rivisitazione di tutte le scadenze. Nello specifico, non chiedemmo solo delle proroghe ma chiarimmo subito che, dal nostro punto di vista, le imposte dovevano essere spostate all’anno nuovo anche se ciò avesse dovuto creare problemi con il bilancio dello Stato, nella speranza che la tanto attesa “normalità” arrivasse a settembre. Oggi, al di là dell’attesa crescente per un settembre di ipotetica ripartenza, il collo di bottiglia si è manifestato già a giugno ed a fine mese il numero di incombenze è altrettanto eccessivo”.

Tra il 16 ed il 31 luglio, infatti, sono previste ben 246 scadenze fiscali, secondo il calendario dell’Agenzia delle Entrate e, nella quasi totalità dei casi, si tratta di versamenti.

“Dunque – conclude il Presidente Bottoni – torniamo a sottolineare che la situazione eccezionale, venutasi a creare a causa del Coronavirus, ha bisogno di decisioni eccezionali: continuiamo a credere che, a maggior ragione,
sarà impossibile riuscire a pagare dal 16 settembre al 31 dicembre tutto il carico fiscale dell’esercizio 2020. È necessaria una rateizzazione lunga e ragionata, una pianificazione ponderata che a sua volta permetta alle aziende di programmare l’agenda fiscale ”. 

di Roberto Valeri

16/07/2020

Progetto di agricoltura sociale a Rocca Montevarmine

Cia Agricoltori provinciale: «Il progetto dell'agricoltura sociale di Rocca Montevarmine con il passare del tempo sembra sempre più un sogno che una realtà»

Leggi l'articolo »

Radio Azzurra, ospite Luigi Contisciani presidente Bim Tronto

Appuntamento su Radio Azzurra questa sera alle 21.05 con replica domani alle 9.45

Leggi l'articolo »

Parco alimentare, in vetrina le eccellenze dei prodotti agroalimentari

Il progetto, targato Confagricoltura di Ascoli e Fermo è volto a promuovere le aziende del territorio

Leggi l'articolo »

Gelate, perso l'80% delle colture frutticole

Cia Agricoltori provinciale: «Ingenti danni lungo le colline della Valdaso»

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

Aldo Mattioli si è dimesso, al suo posto Claudio Censori

Acquaviva Picena - Il Consiglio di Amministrazione della Società ha nominato nuovo Presidente, pro tempore, Dr. Claudio Censori, già consigliere della Banca del Piceno. Il CdA, di conseguenza, ha nominato Vice Presidente Franco Massi.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android