Pericolo usura, necessario vigilare

Ripatransone - Dal 2007, la Bcc di Ripatransone e del Fermano collabora con la Fondazione Monsignor Traini.

La lotta all’usura è una missione che il Credito Cooperativo persegue da sempre, in quanto s’ispira ai principi di solidarietà e miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche delle comunità in cui le banche di credito cooperativo operano.

“Dal 2007 – ricorda il Direttore della Bcc di Ripatransone e del Fermano, Vito Verdecchia – abbiamo stipulato una convenzione con la Fondazione Monsignor Traini Onlus, che a nostro avviso acquista ancor più valore oggi, in una situazione causata dalla pandemia in cui le famiglie e l’intero sistema economico italiano, a maggior ragione il tessuto delle piccole e medie imprese e dei commercianti ed artigiani, potrebbe essere preda di chi pratica l’usura”.

La Bcc di Ripatransone e del Fermano, dunque, collabora con la “Fondazione Monsignor Traini”, la cui missione è quella di ascoltare le persone e le famiglie che versano in condizioni di indebitamento e che sono a rischio di usura o sotto usura, richiedere la documentazione che comprova tale stato, fornisce consulenza legale e finanziaria, rilascia le garanzie necessarie per accedere a crediti bancari, svolge un’azione preventiva, di carattere educativo ed informativo, diffondendo una cultura ispirata ai valori della solidarietà e della sobrietà.

Nello specifico, l’oggetto della convenzione riguarda l’agevolazione al credito bancario, attraverso il Fondo Antiusura, per soggetti “non bancabili” che vogliano però ristrutturare le proprie posizioni.

“Riteniamo – conclude il direttore Verdecchia – che il richiamo dell’Unità d’Informazione Finanziaria (UIF) e della Banca d’Italia, relavito ad un impegno particolare richiesto ai soggetti chiave del sistema nazionale di prevenzione antiriciclaggio, tra cui gli istituti bancari, sia quanto mai opportuno, anche perché i recenti dati del Viminale confermano che nel periodo di chiusura per pandemia l’unico reato a crescere in Italia, del 9,6%, è stato proprio quello di usura”.
 

di Roberto Valeri

10/06/2020

Progetto di agricoltura sociale a Rocca Montevarmine

Cia Agricoltori provinciale: «Il progetto dell'agricoltura sociale di Rocca Montevarmine con il passare del tempo sembra sempre più un sogno che una realtà»

Leggi l'articolo »

Radio Azzurra, ospite Luigi Contisciani presidente Bim Tronto

Appuntamento su Radio Azzurra questa sera alle 21.05 con replica domani alle 9.45

Leggi l'articolo »

Parco alimentare, in vetrina le eccellenze dei prodotti agroalimentari

Il progetto, targato Confagricoltura di Ascoli e Fermo è volto a promuovere le aziende del territorio

Leggi l'articolo »

Gelate, perso l'80% delle colture frutticole

Cia Agricoltori provinciale: «Ingenti danni lungo le colline della Valdaso»

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

Aldo Mattioli si è dimesso, al suo posto Claudio Censori

Acquaviva Picena - Il Consiglio di Amministrazione della Società ha nominato nuovo Presidente, pro tempore, Dr. Claudio Censori, già consigliere della Banca del Piceno. Il CdA, di conseguenza, ha nominato Vice Presidente Franco Massi.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android