Il mondo del nuoto si stringe attorno a Manuel

- Manuel Bortuzzo, rimasto ferito in una sparatoria avvenuta nella notte tra sabato e domenica a Roma, in Piazza Eschilo

Il mondo del nuoto si stringe attorno a Manuel Bortuzzo, rimasto ferito in una sparatoria avvenuta nella notte tra sabato e domenica a Roma, in Piazza Eschilo. Manuel Bortuzzo, classe '99, si era trasferito da Treviso a Ostia per allenarsi nel centro federale con Paltrinieri e Detti sotto la guida di Stefano Morini.
 
Un proiettile vagante
Erano circa le 2 di notte quando Manuel, in compagnia di alcuni amici, si stava dirigendo verso un Pub romano, dove poco prima era avvenuta una rissa: qui è stato colpito da un proiettile proveniente da uno scooter su cui si trovavano due persone e dal quale sarebbero stati esplosi 2/3 colpi di pistola. Secondo le prime ricostruzioni sembra essersi trattato di uno scambio di persona.
Il proiettile si è fermato nella parte destra del torace all’altezza dell’undicesima vertebra, il giovane nuotatore azzurro è stato trasportato d'urgenza all’Ospedale San Camillo di Roma, dove ha subito un doppio intervento chirurgico per bloccare l'emorragia toracica e per estrarre il proiettile che è rimasto fortunatamente integro. L'intervento è stato eseguito dal prof. Alberto Delitala, direttore del dipartimento di Neuroscienze ed è andato a buon fine.
 
Chi è Manuel Bortuzzo?
Manuel si era trasferito al Centro Federale di Ostia per inseguire un sogno: le Olimpiadi di Tokyo. Specialista del mezzo fondo e originario di Treviso (classe '99) si allenava con Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti nel gruppo allenato da Stefano Morini.
Proprio il Moro ha dichiarato riferendosi a Manuel: «Si è messo in gioco trasferendosi nella Capitale per provare a dimostrare, prima di tutto a se stesso, che può lasciare il segno nel nuoto che conta. Si allena con Detti e Paltrinieri, e già questo per lui e’ un grande scuola».

 
Il rischio di una paralisi agli arti inferiori
Il prof. Alberto Delitala, direttore del dipartimento di Neuroscienze dell’Ospedale San Camillo di Roma dove il giovane nuotatore azzurro è ricoverato ha affermato che Manuel presenta «un buono stato di coscienza una volta sospesa l’anestesia» ma «non ci sono segni di ripresa agli arti inferiori».
Nella mattina di lunedì il prof. Delitala ha spiegato in conferenza stampa che: «I colleghi della rianimazione hanno appena effettuato una finestra anestesiologica, con cui è stata valutato lo stato di coscienza del paziente una volta sospesa l’anestesia, e che è risultato essere buono: ha dimostrato di entrare in contatto con l’ambiente. Verrà eseguita una risonanza magnetica e sono in corso i potenziali evocati, che ci daranno un'indicazione sulla possibilità del midollo spinale di condurre l'impulso nervoso». La prognosi resta riservata.
Già nella giornata di domenica il padre di Manuel aveva espresso ai microfoni del Messaggero la paura che il figlio potesse rimanere paralizzato: «Mio figlio si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, non riesco a credere che nel 2019 accadano cose del genere, quello che spero ora è che Manuel non resti paralizzato» 

05/02/2019

“Dichiarazione dei redditi: principali novità”: giornata formativa A.N.CO.T.

Castenedolo - A Castenedolo, il 22 maggio.

Leggi l'articolo »

“Dichiarazione dei redditi: principali novità”: giornata formativa A.N.CO.T.

Cerro Maggiore - A Cerro Maggiore, il 22 maggio.

Leggi l'articolo »

“Associazioni e Terzo Settore”: giornata formativa A.N.CO.T.

Prato - A Prato, il 21 maggio.

Leggi l'articolo »

“Dichiarazione dei redditi: principali novità”: giornata formativa A.N.CO.T.

Oristano - Ad Oristano, il 21 maggio.

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

La Banca del Piceno chiude il bilancio dell'esercizio 2018 in utile.

Castignano - Un partner finanziario sempre più importante per le famiglie e le imprese.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android