Un gol fantasma ferma la Samb.

San Benedetto Del Tronto - Sambenedettese-Giana Erminio 1-1: i rossoblù recuperano con Miceli (poi espulso) il gol "non gol" di Jefferson.

La Sambenedettese prosegue la sua striscia positiva di risultati, arrivati a dodici: sul pareggio interno contro la Giana Erminio,al di là del valore dell'avversario tutt'altro che arrendevole, pesa la decisione dell'arbitro Cipriani di Empoli che, su indicazione del suo collaboratore di linea, ha convalidato agli ospiti un gol ai più inesistente.

In cronaca, i rossoblù scendono in campo con la coppia d'attacco formata da Russotto e Calderini, Biondi, Miceli e Zaffagnini nel tridente difensivo. In un primo tempo, in cui la Giana Erminio prova a proporre gioco costringendo i padroni di casa sulla difensiva, gli unici lampi sono della Samb. Al 9°, Russotto in area esita troppo a tirare e la difesa respinge, arriva Rocchi e conquista la punizione. A batterla è ancora Russotto ed il portiere lombardo Leoni alza in angolo. Sul corner, Calderini con un tiro a girare colpisce la parte esterna della traversa. Allo scadere del tempo, un cross basso di Signori carambola prima su un giocatore avversario, poi su Russotto che non lo controlla a due passi dalla porta. In sintesi, primi 45 minuti opachi, Samb poco fluida in costante ricerca dei lanci lunghi, senza che Russotto e Calderini abbiano trovato il modo di sfruttarli.

Al 6° della ripresa, il giallo. La Giana Erminio si distende in contropiede con Piccoli, cross per Jefferson che la colpisce di testa sul palo, poi Pegorin la smanaccia fuori e la difesa sbroglia in angolo. Nessuno tra gli ospiti protesta, di certo non i giocatori della Giana in campo ma, all'improvviso, su segnalazione del collaboratore di linea, l'arbitro Cipriani (che aveva indicato la bandierina) dà il gol agli ospiti: 0-1. L'unica spiegazione è che la palla, dopo aver colpito il legno, sia entrata nonostante la respinta di Pegorin. Non essendoci la tecnologia adatta, in Lega Pro, per dissipare ogni dubbio e ricordando che la sfera deve superare interamente la linea per assegnare una rete, questo resta un "gol fantasma".

Colpita a freddo, per di più sul primo tiro in porta della Giana Erminio, la Sambenedettese reagisce e Roselli la ridisegna subito, facendo entrare Stanco e convertendo il 3-5-2 in un 3-4-3. Sei minuti dopo lo svantaggio, Russotto in proiezione offensiva viene ostacolato da Perico, espulso: Giana Erminio in dieci al 12° della ripresa e pressione rossoblù in aumento. Al quarto d'ora, su punizione Russotto imbecca Miceli, bravo il portiere ospite Leoni a respingere ed altrettanto bravo, cinque minuti dopo, in uscita su Calderini. Al 25°, il tiro a giro di Russotto non è pericoloso, ma comunque va segnalato per la rapidità con cui l'avanti rossoblù si gira e tenta la conclusione.

Entra anche Caccetta ma, come spesso accade, attaccando ci si scopre al contropiede e quello del 30° sarebbe potuto essere micidiale, però Seck trova i pugni di un superbo Pegorin che respinge anche il tentativo di Dalla Bona. E', in un certo senso, un'ulteriore svolta perché in caso di raddoppio per la Giana Erminio, la partita si sarebbe conclusa con una disfatta. Invece, entrano anche il neo acquisto D'Ignazio e Di Massimo, quest'ultimo punta con Stanco, Rapisarda torna sulla sua fascia di "competenza naturale".

Mancano dieci minuti, il tempo stringe davvero e Stanco al 37° è troppo decentrato per mettere in rete una palla interessante ma forse troppo bassa data da Di Massimo. Al 41°, da D'Ignazio parte l'azione che viene proseguita da Di Massimo per l'accorrente Rapisarda: decimo corner (a zero) per la Samb. Sugli sviluppi dell'angolo, battuto da Russotto, Stanco prende palla ma, ostacolato, non la trattiene, arriva "bomber" Miceli e fa 1-1. 

Si pensa e si spera, a questo punto, che come contro il Teramo si possa compiere l'ennesimo miracolo ma non accade più nulla: anzi, nell'ultimo dei minuti di recupero viene espulso proprio Miceli, che dunque a Monza non ci sarà. 

Dodicesimo risultato utile consecutivo, settima piazza in classifica confermata: si può discutere e si discuterà a lungo sull'opportunità di schierare una formazione di partenza diversa o di effettuare prima determinati cambi, ma un pareggio interno contro la Giana Erminio non può essere l'occasione per contestare le scelte di mister Roselli senza considerare quanto di buono ottenuto finora.

di Roberto Valeri

26/01/2019

“Dichiarazione dei redditi, principali novità”: giornata formativa A.N.CO.T

San Benedetto Del Tronto - A San Benedetto del Tronto, il 20 maggio.

Leggi l'articolo »

La Banca del Piceno chiude il bilancio dell'esercizio 2018 in utile.

Castignano - Un partner finanziario sempre più importante per le famiglie e le imprese.

Leggi l'articolo »

Il Liceo Classico "G.Leopardi" all'ONU.

San Benedetto Del Tronto - Luca Testasecca, studente della classe IIIA C del Liceo Classico "G. Leopardi" di San Benedetto del Tronto ha partecipato alla selezione per una borsa di studio per il Change the World Model United Nation (CWMUN).

Leggi l'articolo »

Rimini Wellness 2019: countdown con la fiera più attesa dagli sportivi professionisti e non

Tutte le novità sul Fitness e benessere dal 30 maggio al 2 giugno

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

La Banca del Piceno chiude il bilancio dell'esercizio 2018 in utile.

Castignano - Un partner finanziario sempre più importante per le famiglie e le imprese.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android