Green Economy al porto di San Benedetto

San Benedetto Del Tronto - SAN BENEDETTO – La green economy diventa il tratto distintivo dello sviluppo dell'area portuale...

SAN BENEDETTO – La green economy diventa il tratto distintivo dello sviluppo dell'area portuale di San Benedetto. Nella sala giunta del Comune di San Benedetto si è svolto un importante incontro del distretto delle nuove energie del Piceno con la partecipazione di diverse aziende della filiera della pesca. Lo scopo del  progetto è quello di trasformare i pescherecci  con propulsori in b-fuel in grado quindi di utilizzare  sia il gasolio e sia il GNL  ovvero Gas Naturale Liquido.
“Tecnicamente  - ha detto Giovanni Cimini del Distretto delle Nuove Energie del Piceno – occorre installare  a bordo di un peschereccio un serbatoio doppia custodia per il gnl liquido che usato si espande di circa 300 volte diventando un gas che alimenta il motore dell’imbarcazione”. In pratica  è come avere un piccolo rigassificatore a bordo in grado di trasformare il motore affinchè si avvii con il diesel per poi andare a gas.
“Non è assolutamente pericoloso – ha proseguito la spiegazione Giovanni Cimini -  non è inquinante ed è molto economico in quanto permettere di ridurre i costi del carburante del 50% in quanto costa la metà del prezzo del gasolio e ha lunga autonomia. Ci sono già in Italia autobus o camion alimentati con questo carburante”.
I rappresentanti di Confindustria di Ascoli e della Cna di Ascoli con il supporto di Piceno Promozione presieduta da Gino Sabatini hanno individuato le modalità che potrebbero permettere alla filiera del GNL PESCA dovrà predisporre tecnicamente i motori dei pescherecci per utilizzare carburanti alternativi e  dovrà far certificare ed omologare i motori. Inoltre dovrà provvedere al rifornimento nei porti come pure sviluppare sistemi di controllo elettronici per la gestione a terra ed a bordo.
“San Benedetto – ha aggiunto Giovanni Cimini – può avere la possibilità di diventare un modello per lo sviluppo delle strutture portuali italiani. Non a caso grazie all'elevato livello tecnologico raggiunto dalle aziende del territorio la città della Riviera delle Palme è il primo progetto che il distretto delle nuove energie del Piceno realizza.  Poiché il porto di San Benedetto è un porto statale, questa applicazione crediamo sia supportata da tutti gli enti fino alla certificazione finale  della filiera, come pure potrà rivelarsi un opportunità da applicarsi in molti porti d’Italia. Auspichiamo di creare una rete d’impresa su questo tema e confidiamo in un forte risparmio per gli armatori in grado di garantire un importante presupposto per la ripresa di questo settore così importante per il nostro territorio”.

di Vittorio Bellagamba

14/01/2012

Dopo la tragedia, tra innovazione e ripartenza

Ascoli Piceno - I terremoti del Centro Italia e la situazione nelle Marche, sono stati il tema di un convegno organizzato nell'area della Compagnia delle Opere

Leggi l'articolo »

Ultimo intervento in corso, dopo i tre già conclusi per il ripristino della SP 91

La Provincia di Macerata conferma, stanziati 5,3 milioni di euro

Leggi l'articolo »

Magicomico in scena sabato 24 agosto

Magia Cabaret e tanto divertimento per tutti

Leggi l'articolo »

Un progetto per il fiume Tronto

San Benedetto Del Tronto - "Acqua sana, vita sana" nasce dalla collaborazione fra Coop Alleanza 3.0 e AVP-Associazione Villaggio Planetario, per la sensibilizzazione del territorio della provincia Ascoli Piceno.

Leggi l'articolo »

Notizie ultime 48 ore



[gg/mm/aaaa] [gg/mm/aaaa]

Campus World, respiro internazionale per i giovani laureati

San Benedetto Del Tronto - Per 43 giovani delle province di Ascoli Piceno, Fermo e Teramo un’esperienza da due a sei mesi all’estero: crescono le domande di partecipazione.
Astrelia sviluppa siti web per quotidiani online e applicazioni web e mobili per iPhone iPad e Android